Comunità aziendale per l’avvicendamento colturale

Home>Forme di cooperazione>Comunità aziendale per l’avvicendamento colturale
Comunità aziendale per l’avvicendamento colturale2023-11-13T15:57:44+01:00
Modo semplice per ampliare le aree di coltivazione – Gestione più efficiente – i metodi di produzione compatibili sono un vantaggio

Nel caso di una comunità di avvicendamento delle colture, la superficie coltiva aperta di varie aziende è raggruppata e si definisce di conseguenza un avvicendamento collettivo. Una comunità di questo tipo può essere istituita con o senza la creazione di una comunità aziendale settoriale per la campicoltura (o di una comunità aziendale).

Con l’aiuto di una comunità di avvicendamento delle colture, la superficie coltiva disponibile può essere utilizzata in modo ottimale e la quota di superficie di determinate colture può essere aumentata senza ridurre altre superfici – come i prati ecologici o altre superfici di compensazione.

Bild

«Semplicemente le aziende devono avere una certa dimensione per poter produrre in modo redditizio a lungo termine o in alternativa bisogna fare scelte più di nicchia.»

Ernst Bachmann , partner della comunità aziendale Flaach

Penso che sia stato un bene: è importante avere un consulente esterno che pone domande.

Nicolas Pavillard, Associazione di Grillon, Orges VD

Inoltre penso che la comunicazione in generale sia molto importante. Forse anche la lealtà nei confronti della comunità: nel senso che una volta che si è presa una decisione assieme non biaogna criticarla alle spalle dei partner p.es. con altri agricoltori.

Nicolas Pavillard, Associazione di Grillon, Orges VD

In realtà adesso che abbiamo un’azienda di 200 ha, possiamo permetterci di fare degli esperimenti su 1 o 2 ha.

Nicolas Pavillard, Associazione di Grillon, Orges VD

Ma bisognava rimanere flessibili, per questo abbiamo lavorato con una chiave di ripartizione, dove ogni azienda avrebbe messo a disposizione le parcelle, e poi, in funzione delle colture che vi si sarebbero coltivate, avrebbe avuto diritto a una percentuale del guadagno di ogni coltura.

Nicolas Pavillard, Associazione di Grillon, Orges VD

«Forse il primo anno abbiamo fatto più fatica di prima da soli, ma poi abbiamo preso dimestichezza un po’ con tutto, già il secondo anno ci sentivamo molto più forti.»

Ernst Bachmann , partner della comunità aziendale Flaach

«Sin dall’inizio era chiaro che non saremmo stati lì a ‘contare i minuti’; ci saremmo aiutati a vicenda, l’importante era finire il lavoro.»

Ernst Bachmann , partner della comunità aziendale Flaach

«È evidente che siamo diventati molto più efficienti grazie alla comunità di avvicendamento delle colture, sia nella campicoltura che nella foraggicoltura.»

Ernst Bachmann , partner della comunità aziendale Flaach

Bisogna avere il desiderio e la volontà di lavorare in questo modo.

Nicolas Pavillard, Associazione di Grillon, Orges VD

Generalmente noi prendiamo le decisioni all’unanimità. Cerchiamo di convincere gli altri o noi stessi fino a quando non arriviamo a qualche cosa di comune. O almeno tutti sono
d’accordo di portare avanti la stessa decisione.

Nicolas Pavillard, Associazione di Grillon, Orges VD

Non sapevamo quale sarebbe stata la nostra forma di collaborazione, né come ci saremmo organizzati. Tutto era possibile. Abbiamo preso una decisione di principio: ci siamo detti che volevamo lavorare insieme perché sarebbe stato meglio insieme che da soli. Da lì abbiamo costruito.

Nicolas Pavillard, Associazione di Grillon, Orges VD

«Bisogna un po’ coordinarsi, proprio come quando si gestisce un’azienda, gli ingranaggi devono incastrarsi, ma non girare necessariamente nello stesso senso, bisogna completarsi.»

Ernst Bachmann , partner della comunità aziendale Flaach

D’altro canto, grazie alla suddivisione dei compiti e delle responsabilità, abbiamo sufficiente libertà per delle vacanze e per staccare un po’ dal lavoro sapendo che c’è qualcuno che è capace di sostituirci durante questi periodi ecc.

Nicolas Pavillard, Associazione di Grillon, Orges VD

Domande frequenti

Il mio vicino mi ha chiesto se possiamo unire le nostre superfici coltivabili per un avvicendamento congiunto delle colture. Magari questa scelta mi potrebbe causare nuovi problemi, ad es. erbacce o vermi fil di ferro. Che cosa mi consigliate di fare?2021-02-02T13:28:59+01:00

Se i vantaggi di un raggruppamento migliore, con campi più vasti sono evidenti, determinati rischi calcolabili non dovrebbero porre particolari problemi. Dopotutto, può già osservare i campi e il modo di lavorare del suo vicino e trarre le debite conclusioni. Le sorprese comunque non mancano mai, ma condizioni climatiche difficili o parassiti e malattie delle piante rientrano già tra le sfide da affrontare quando si gestisce un terreno. Se esita ad avviare una cooperazione a lungo termine (comunità aziendale settoriale in campicoltura), può iniziare con una semplice comunità di avvicendamento delle colture con una durata minima ridotta (ad es. 5 anni). Se la collaborazione non dovesse funzionare, può sempre ritirarsi alla fine del periodo senza grandi oneri.

Il mio socio designato possiede altre superfici in un altro Cantone. Possiamo comunque costituire una comunità di avvicendamento delle colture?2021-02-02T13:26:22+01:00

Sì, in linea di principio si può costituire una comunità di avvicendamento delle colture anche oltre i confini cantonali. Tuttavia, è possibile che i Cantoni limitrofi applichino prescrizioni leggermente diverse per le comunità PER o di avvicendamento delle colture, utilizzino un altro sistema per la registrazione dei dati aziendali o organizzino e attuino anche i controlli PI in maniera differente. È pertanto indispensabile contattare per tempo i servizi competenti degli uffici cantonali dell’agricoltura coinvolti. In questo modo, la situazione può essere discussa in anticipo e si può chiarire a quali servizi si devono inviare quali documenti e quali dati servono, così da evitare complicazioni.

Vorremmo fornire la PER in tre. Ci serve un contratto scritto oppure è sufficiente un accordo verbale e inserire semplicemente i dati necessari per la registrazione dell’azienda in base ai nostri accordi?2021-02-02T13:25:54+01:00

I Cantoni esigono un contratto scritto per le comunità PER e di avvicendamento delle colture. Di regola, troverete i vari modelli di contratto sui siti Internet degli uffici dell’agricoltura. Se avete difficoltà a formulare questi contratti o non siete sicuri di come intendete procedere, vale la pena rivolgersi a un esperto per una consulenza.

Esempi pratici

Go to Top